Mele e banane: la frutta più buona da consumare a Ottobre 

A inizio autunno la frutta migliore da consumare è certamente la mela e le banane.


Materie prime sane, disponibili in tante varianti tutte ottime da magiare da sole o per preparare golosissimi dolci.

Di certo la frutta autunnale non sarà succosa e golosa come quella estiva che tutti tanto amiamo, sicuramente però le materie prime che la natura ci mette a disposizione in questa stagione sono altrettanto golose e interessanti.

 

Le mele sono un frutto classico che ormai si trova tutto l'anno nelle sue innumerevoli varietà.

 

Molto popolare in Europa, il consumo delle mele è di circa 20 kg all'anno (pro capite), quasi una mela e mezza al giorno, la mela è senza dubbio il frutto più diffuso in Italia.

 

Tantissime varietà:

  • Golden delicius
  • Red delicius
  • Stark delicius
  • Bella di Roma
  • Jonathan
  • Renetta del Canada
  • Renetta ruggine
  • Granny Smith

In realtà le varietà oggi in commercio sono ben più di 1000.

 

Per quanto riguarda le sue specifiche, c'è da sapere che per circa l'85% del loro peso le mele sono costituite da acqua.

La restante parte è costituita da carboidrati e da vitamine, tra cui la vitamina A, E, C.

 

Le mele rappresentano una fonte alimentare essenziale di polifenoli (circa il 22% dei polifenoli necessari vengono assunti attraverso questi frutti).

La quantità di polifenoli in una mela va da 110mg a 347mg per 100g di parte edibile. Sono presenti anche discrete quantità di flavonoidi.

 

Moltissime sono le proprietà benefiche di questo frutto di stagione.

 

Un'analisi dei composti fitochimici della mela ci dice che in questo frutto è presente un vero patrimonio di sostanze antiossidanti e protettive nei confronti dei tumori.

La mela poi fa bene in caso di colite, ritenzione idrica, diete dimagranti e può essere consumata in caso di diabete.

Ha proprietà anti invecchiamento e a differenza di altri frutti non favorisce le fermentazioni intestinali.

 

Ogni tipo di mela poi ha delle peculiarità specifiche:

  • La mela rossa è perfetta se si desidera perdere peso: la buccia contiene piruvato, una sostanza che aiuta a sciogliere ed eliminare l'adipe.
  • La mela verde è il frutto della giovinezza: il suo sapore asprigno conferma la presenza di vitamina C e di acidi organici antiossidanti che contrastano l'invecchiamento e rafforzano le difese.
  • La mela gialla è un antirughe ed è molto utile per la vista: contiene infatti una quantità elevata di carotenoidi utili per difendere la pelle dalle rughe e favorire la visione notturna.
  • La mela fuji è utile in caso di colite: la sua buccia è ricca di pectina, una fibra solubile che non irrita le mucose intestinali, facilitando il transito in caso di stipsi e rallentandolo in presenza di diarrea.
  • La renetta difende dal tumore: bisognerebbe scegliere quelle biologiche per poterne mangiare la buccia che è in grado di ridurre il rischio di cancro fino al 60%. La sua polpa lo riduce solo del 40%.
  • La mela stark protegge cuore e vene: contiene infatti procianidine, sostanze antiossidanti che contrastano l'invecchiamento e prevengono le malattie cardiovascolari.
  • La mela annurca invece idrata e tonifica: uno dei frutti più usati in cosmesi naturale è un'antica varietà della Campania, in grado di rivitalizzare l'epidermide, idratandola, tonificandola e svolgendo un'azione antirughe. Basta applicare una mela bio frullata con il succo di mezzo limone e 2 cucchiaini di olio di germe di grano, lasciare in posa per 15 minuti e lavare con acqua tiepida ripetendo il tutto 3 volte a settimana.

Parlando delle banane sicuramente possiamo dire che reggono il passo con le mele.

 

Tra i frutti più consumati nel mondo, sono ottime alleate della nostra salute.

 

Dal punto di vista nutrizionale sono una buona fonte di potassio, di magnesio e di vitamina B6.

Ricche di antiossidanti, aiutano a proteggere il nostro organismo dall’azione dei radicali liberi, rafforzano il sistema nervoso, aiutano nella perdita di peso e contribuiscono alla produzione dei globuli bianchi grazie al loro contributo di vitamina B6.

Nello specifico, aumentano il senso di sazietà grazie alle loro fibre vegetali.

 

Sono benefiche per il cuore grazie al potassio che contribuisce a mantenere regolare il battito cardiaco.

Riducono lo stress e sono utili per ritrovare il buonumore grazie al loro importante contenuto di triptofano, una sostanza che il nostro corpo converte in serotonina necessaria per risollevare il nostro stato d’animo.

In più la vitamina B6 aiuta a dormire meglio e il magnesio contribuisce a rilassare i muscoli.

Proteggono la vista, rafforzano le ossa, prevengono l'ictus, proteggono lo stomaco dalle ulcere creando una vera barriera protettiva nello stomaco contro i succhi gastrici.

Sono ovviamente una fonte di energia e di vitamina C considerevole e migliorano la concentrazione tanto da essere consigliate agli studenti sia a colazione che come spuntino.

 

Scopri di più sulla frutta, verdura e cibi del mese nella rubrica "prodotto del mese".

 

Condividi