website print footer

Bucato a mano con i trucchi delle nonne 

Per la casaPer la casa
24.08.201524.08.2015
Bucato a mano con i trucchi delle nonne

Forse antiquato, ma sempre utile. Quando la lavatrice non va o vogliamo proteggere i nostri capi delicati. Detersivo, aceto, bacinelle e ammorbidente: ecco tutto ciò che vi occorre per mettervi all’opera. Dall’ammollo alla strizzata, come procedere in base al tessuto e alla tipologia dei vostri capi


Ci sono situazioni d’emergenza. Può capitare, infatti, che lavatrice si rompa e ci troviamo costretti a lavare a mano il nostro bucato. Oppure che, per ragioni pratiche, il lavaggio in lavatrice sia poco indicato quando vogliamo preservare meglio un capo di abbigliamento cui siamo legati in modo particolare. Ma come organizzarsi per un bucato a mano all’altezza e senza incidenti?
Procuratevi detersivo, aceto, due bacinelle e ammorbidente. Mettete a bagno il bucato in acqua tiepida usando un detersivo per il lavaggio a mano e dopo aver diviso i capi in bianchi, colorati, lana, cotone ed altro ancora. E’ fondamentale che l’acqua non sia troppo calda: alcuni capi reagiscono decisamente male a temperature troppo elevate. Dopo un paio d’ore iniziate a strofinare leggermente. Per i colorati, invece, occorre essere rapidi per evitare che, lasciati a bagno troppo a lungo, finiscano per stingere. Aggiungere un cucchiaio di aceto all’ultimo risciacquo è un vecchio trucco utilizzato dalle nostre nonne per fissare bene i colori. Le macchie organiche (come uova, sangue o urina) vanno lavate, innanzitutto, in acqua corrente fredda per evitare che si fissino sui capi di abbigliamento. Solo a questo punto potrete continuare con il lavaggio normale. Una volta rimosse le macchie, quando il vostro bucato vi sembrerà sufficientemente pulito, risciacquate i singoli capi uno ad uno finche, strizzandoli, l’acqua non sarà completamente priva di schiuma e di residue di detersivo.
Per quest’ultima operazione vi saranno d’aiuto due bacinelle: una per i capi da sciacquare, l’altra per quelli già sciacquati. Una terza bacinella può essere utile, inoltre, per riporre i capi che possono scolorire danneggiando gli altri. All’ultimo risciacquo è possibile, se lo ritenete, aggiungere dell’ammorbidente lasciando il bucato a mollo per circa cinque minuti. Non vi resta che strizzare i panni, senza torcerli troppo per non rovinarli, e stenderli. 

Condividi





Scansiona questo codice QR con un dispositivo per accedere a questo contenuto sul web

insegne print footer


Copyright 2020 CE.DI. GROS Società Consortile a r.l. | Sede Legale Via di Tor Tre Teste, 222 - 00155 ROMA | C.C.I.A.A. Reg. Imprese Roma n° 06564861000 - R.E.A. n° 976668 | C.F. & P. IVA: 06564861000 | Capitale Sociale € 20.000.000,00 i.v. | P.IVA 06564861000 | Tutti i diritti riservati