Morbidi e profumati, ma senza esagerare 

Per la casaPer la casa
14.11.201414.11.2014

L’ammorbidente, prodotto irrinunciabile per ogni lavaggio. Sia a mano che in lavatrice. Ecco alcuni consigli pratici per utilizzarli al meglio evitando di danneggiare i tessuti dei vostri capi d’abbigliamento. Regola numero uno: evitare dosi eccessive


Tanti formati, concentrati e in confezioni mini, e una varietà disparata di essenze e profumazioni tra cui scegliere. Ma un unico comun denominatore: la morbidezza dei capi d’abbigliamento. Composti prevalentemente da molecole esterquat, di origine sia animale che vegetale, ma anche di additivi, profumi, addensanti o perlanti, gli ammorbidenti sono essenzialmente coadiuvanti di lavaggio, accompagnano cioè il lavaggio stesso integrando l’utilizzo dei detersivi. Si tratta di sostanze che, nel loro insieme, esercitano un’azione lisciante sulle fibre dei tessuti, per questo è raccomandabile farne un uso parsimonioso attenendosi alle dosi suggerite sulle relative confezioni.
L’ammorbidente agisce, eliminandola, sull’elettricità statica dei capi appena lavati. Le molecole del prodotto si depositano sulle fibre creando una patina molto sottile, da cui dipende l’effetto finale di una maggiore morbidezza dell’indumento, accompagnata al profumo associato al prodotto. Gli ammorbidenti, riducendo gli attriti tra le fibre, favoriscono anche la stiratura dei capi rendendola più agevole. Può essere utilizzato sia nei lavaggi a mano che in lavatrice. Con una differenza sostanziale: il diverso dosaggio, tenuto conto che, altrettanto diversa è la quantità di capi e di acqua in cui diluire il prodotto nelle due tipologie di lavaggio. In lavatrice l'ammorbidente va versato, secondo la quantità indicata sulla confezione (di solito il tappo fa da misurino) in un'apposita vaschetta che rilascerà il prodotto durante l'ultima fase di risciacquo. Nei lavaggi a mano, invece, le dosi sono estremamente ridotte e variano in base alla quantità di acqua utilizzata.
In entrambi i casi, è importante evitare di impiegare dosi eccessive di ammorbidente per evitare effetti dannosi sui tessuti. Troppo ammorbidente non solo non garantisce un maggior livello di morbidezza, ma impedisce al bucato di assorbire adeguatamente l'acqua, in alcuni casi impermeabilizzando i tessuti. A prescindere dal metodo di lavaggio, se volete trattenere il più a lungo possibile la fragranza rilasciata dall’ammorbidente sui vostri indumenti, è consigliabile riporre sempre i vostri capi in armadi o cassetti arricchiti da sacchetti profumati. 

Condividi