Liquidi, concentrati o… in capsule? 

Per la casaPer la casa
09.10.201409.10.2014

Consigli per orientarsi nello scaffale dei detersivi per il bucato in lavatrice. I liquidi preservano i tessuti dei vostri indumenti: consigliati per capi delicati e colorati. I concentrati sono meno ingombranti, alleggeriscono la busta della spesa e la dose per un singolo lavaggio. Le capsule imbattibili per praticità


Lo scaffale è strapieno. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Come orientarsi, allora, tra le diverse tipologie e marche di detersivi per la vostra lavatrice? La prima distinzione con cui dovrete confrontarvi è quella tra i tradizionali detersivi in polvere e i più moderni detersivi liquidi.
I primi si caratterizzano per una forza pulente maggiore rispetto a quelli liquidi, ma anche per essere gli unici in grado di garantire un bianco assoluto. I detersivi in polvere presentano, tuttavia, anche una serie di inconvenienti: tendono ad indurire le fibre degli indumenti, rendendo necessario il risciacquo con un ammorbidente; spesso lasciano residui nella vaschetta e nello scarico (ma anche sui tessuti) provocando incrostazioni che, alla lunga, possono danneggiare la vostra lavatrice. I detersivi liquidi, invece, preservano la qualità delle fibre dei tessuti, lasciando gli indumenti più morbidi rispetto ai tradizionali detersivi in polvere. Sono quindi particolarmente adatti per lavare capi delicati e colorati. Basterà, inoltre, una quantità di ammorbidente inferiore rispetto a quella necessaria per accompagnare il lavaggio con i detersivi in polvere.
Discorso a parte va fatto per i detersivi concentrati, che possono essere sia liquidi che in polvere. Prodotti secondo le più moderne tecnologie del settore, i concentrati hanno un forte impatto in termini di eco-sostenibilità. Innanzitutto perché consentono di ottenere prestazioni elevate con quantità di prodotto inferiore rispetto ai detersivi tradizionali. Inoltre, permettono un considerevole risparmio di acqua, limitando le emissioni di anidride carbonica, senza contare, infine, la comodità di uscire dal supermercato con qualche chilo di peso in meno nella busta della spesa.
Ultima menzione per i detersivi in capsule. Imbattibili sul fronte della praticità: basta inserire una capsula direttamente nel cestello, senza misurini o dosatori, e il gioco è fatto. Ma come per le altre tipologie di detersivi, i pro si accompagnano con i contro: sono mediamente più costose, ad una singola capsula corrisponde una determinata quantità di bucato. E’ impossibile, quindi, variare la dose di detersivo per quantità di bucato inferiore a quella indicata. Un’ultima avvertenza: tenete le capsule lontane dalla portata dei bambini. E’ facile scambiarle per delle caramelle. 

Condividi