E’ tempo di pulizie, anche per l’organismo 

Con la primavera si cambia stagione e alimentazione. Per eliminare le tossine accumulate durante i mesi invernali. Più frutta e verdura di stagione, bere molta acqua e ridurre al massimo il consumo di alcolici. Poche ma essenziali regole per stare bene. Anche a tavola


Arriva la primavera ed è tempo di fare pulizia. Anche nell’alimentazione. Dopo le “fatiche” invernali è tempo di depurarsi dalle tossine accumulate durante la stagione fredda. E mangiare bene è senza dubbio il miglior modo di rimettersi in carreggiata, risvegliando, insieme ai sensi, anche il nostro organismo. Seguendo una dieta disintossicante. Innanzitutto eliminando gli alimenti ricchi di grassi e zuccheri in favore di prodotti freschi di stagione. In particolare frutta e verdura.
Cibi, cioè, antiossidanti, ad alto contenuto di vitamina C, E e betacarotene. Sostanze protettive per le cellule dell’organismo contro le insidie dei radicali liberi prodotti durante i mesi invernali. Il tutto aggiungendo alla nostra dieta ortaggi come carciofi, bietole, carote e cavoli per i lipotropi in essi contenuti. Sostanze che svolgono azione decongestionante sul fegato. Un’alimentazione che rispetti queste semplici regole prevede, ad esempio, una colazione a base di cereali , spuntini a base di frutta, un primo di cereali con insalata a pranzo e una zuppa di legumi con verdure fresche a cena. Un menù al quale si possono aggiungere anche yogurt magro che, per il suo ricco contenuto di vitamina B svolge un’azione benefica sulla flora intestinale e aiuta il metabolismo dei grassi e degli zuccheri.
E ora ecco alcuni consigli: il riso integrale è il cereale con le maggiori doti depurative. Tra le verdure, invece, il tarassaco e il carciofo sono certamente le più indicate con le stesse proprietà. Il carciofo, invece, oltre che per l’effetto diuretico è indicato per i disturbi alle vie biliari. Non dimenticate, infine, di bere almeno 1,5/2 litri di acqua al giorno, anche sotto forma di tisane o infusi, e preferire l’acqua oligominerale a basso residuo e scarso contenuto di sodio. Ridurre, invece, al massimo il consumo di alcolici. 

Condividi