website print footer

Scampanata ad Agnone e un tuffo nel Mar Rosso 

Scampanata ad Agnone e un tuffo nel Mar Rosso

Gli itinerari di Gros. Dal Paese del molisano, fino al 1811 parte dell’Abruzzo, ad una delle più esotiche e ricercate mete turistiche del Medioriente. La cittadina sorta sulle rovine dell’antica Aquilonia distrutta dai romani e le bellezze uniche di uno specchio d’acqua “biblico” strategico nelle comunicazioni tra Mediterraneo e Oceano Indiano


Agnone (Agnéune in dialetto locale) è un comune italiano di 5.152 abitanti in provincia di Isernia in Molise. Fino al 1811, per circa 600 anni, è sempre stato parte integrante del Giustizierato d'Abruzzo e dell'Abruzzo Citeriore, nel distretto di Lanciano. Antica città sannita, è sede di quello che si presume sia il più antico stabilimento al mondo per la fabbricazione delle campane (Pontificia Fonderia di Campane Marinelli), fondato intorno all'anno Mille e tra i pochi che possano fregiarsi dell'onore di utilizzare per i propri prodotti lo stemma pontificio. La tradizione vuole che Agnone sia sorta sulle rovine della città sannitica Aquilonia distrutta dai Romani durante la conquista del Sannio: nella zona sono stati recuperati diversi reperti archeologici, come la stele funeraria di Vibia Bonitas, conservata al Teatro Italo Argentino, nel centro storico della cittadina. Importante centro durante la dominazione longobarda, andò poi decadendo nei secoli immediatamente precedenti l’anno 1000, mentre la Valle del Verrino e le alture circostanti divennero luogo di eremi, piccoli monasteri e piccole colonie agricole. Nel 1139 la potentissima famiglia dei Borrello, Conti di Pietrabbondante e capitani di ventura di Venezia, portarono sul luogo un notevole numero di soldati e artigiani veneziani, probabilmente provenienti dalle colonie dalmate della Serenissima. Appare evidente la matrice veneziana del paese vero e proprio - sorto sul colle arcuato di fronte al Monte Caraceno - specialmente nel quartiere originario, quello della Ripa, detto anche borgo veneziano. L'importanza di Agnone andò crescendo nel periodo angioino e anche in quello aragonese, al punto che durante il regno borbonico delle Due Sicilie, la città fu tra le 56 città regie, direttamente dipendenti dal Re, libere da qualunque altra soggezione di tipo feudale, dotate di alto tribunale, con diritto di comminare pene capitali. Appartenente da sempre all'Abruzzo Citeriore, quando il Re Giuseppe Bonaparte (fratello di Napoleone) decise di creare la Regione Molise(1806), Agnone fu lasciata nell'Abruzzo. Ma durante il regno di Gioacchino Murat, i maggiorenti del luogo chiesero e ottennero il passaggio al Molise
Il Mar Rosso è un mare del Vicino Oriente compreso tra l'Africa e la penisola araba, comunicante con il mar Mediterraneo attraverso il canale di Suez, e con l'oceano Indiano tramite lo stretto di Bab el-Mandeb. Di forma allungata lungo la direttrice sud-est nord-ovest, il mar Rosso si biforca a nord in corrispondenza della penisola del Sinai, dando luogo al golfo di Aqaba ad oriente, e al golfo di Suez ad occidente. Su di esso si affacciano numerosi Stati: Egitto, Arabia Saudita, Israele, Giordania, Yemen, Gibuti, Eritrea e Sudan. Conosciuto nell'Antico Egitto con il nome di Verdissimo, oggi il mar Rosso è di enorme importanza strategica e commerciale consentendo, attraverso il transito del canale di Suez, il passaggio veloce dall'oceano Atlantico attraverso il mar Mediterraneo e il sud-continente europeo, all'oceano Indiano, il sud-continente asiatico, l'Africa orientale e l'oceano Pacifico, senza la circumnavigazione dell'intero continente africano. Il mar Rosso riveste anche un'importanza storico-religiosa: nel libro dell'Esodo dell'Antico Testamento è narrato infatti il passaggio del mar Rosso da parte degli Ebrei guidati da Mosè in fuga dall'Egitto. In questa occasione si racconta che Dio aprì le acque di fronte agli Ebrei per poi richiuderle nel momento in cui lo attraversavano le truppe egizie che li inseguivano. Ma oggi il Mar Rosso è anche una delle mete turistiche più ricercate. si affacciano alcune importanti località di villeggiatura egiziane, come Sharm el-Sheikh, Hurghada, Marsa Alam, Berenice, oltre alla città giordana di Aqaba, e queste località che ospitano ogni anno moltissimi turisti, soprattutto europei. Vi si si affacciano alcune importanti località di villeggiatura egiziane, come Sharm el-Sheikh, Hurghada, Marsa Alam, Berenice, oltre alla città giordana di Aqaba, e queste località che ospitano ogni anno moltissimi turisti, soprattutto europei. Fin dall'apertura del canale di Suez si è avuto un intenso fenomeno di immigrazione nel Mediterraneo da parte di organismi marini originari del mar Rosso. Questo fenomeno prende il nome di migrazione lessepsiana. 

Condividi





Scansiona questo codice QR con un dispositivo per accedere a questo contenuto sul web

insegne print footer


Copyright 2020 CE.DI. GROS Società Consortile a r.l. | Sede Legale Via di Tor Tre Teste, 222 - 00155 ROMA | C.C.I.A.A. Reg. Imprese Roma n° 06564861000 - R.E.A. n° 976668 | C.F. & P. IVA: 06564861000 | Capitale Sociale € 20.000.000,00 i.v. | P.IVA 06564861000 | Tutti i diritti riservati