Estate più fresca con il fai da te 

In frigoIn frigo
29.07.201629.07.2016

Ecco le migliori bevande da preparare in casa per vincere il caldo. Dal classico tè freddo al più originale chinotto. Bibita analcolica dall’origine incerta, a base di acqua minerale gassata, caffè, sciroppo di chinotto, zucchero di canna, succo d’arancia e di limone 


Amata da molti, il chinotto è una bibita analcolica di tipo soft drink prodotta con estratto del frutto di Citrus myrtifolia (chiamato appunto chinotto) e altri estratti aromatici vegetali. Bevanda scura in apparenza simile a una cola, il chinotto ha un gusto più amaro, sebbene possegga anche un retrogusto particolarmente fresco e delicato. Che lo rende una bevanda molto particolare che divide molto le persone tra estimatori e non.
La bevanda è di origine incerta: alcuni sostengono che sia stata inventata nel 1932 dalla San Pellegrino, che ne è la principale produttrice, secondo un’altra ipotesi sarebbe stato prodotto per la prima volta dall’azienda Neri di Capranica (Viterbo) nel 1949. Altri, ancora, sostengono che la formula industriale fu inventata presso i laboratori della Costantino Rigamonti fu Giovanni a Milano, il cui proprietario divenne successivamente presidente della Recoaro. Intorno al 1950 il chinotto più diffuso era quello prodotto dalla Recoaro.
Ma come preparare un chinotto fatto in casa? Innanzitutto munitevi degli ingredienti necessari: 750 ml di acqua minerale gassata: 100 grammi di caffè caldo; 50 grammi di sciroppo di chinotto; 50 grammi di zucchero di canna; succo di un’arancia spremuta; succo di un limone spremuto. Sciogliete nel caffè caldo lo zucchero di canna. Aggiungete lo sciroppo di chinotto e mescolate. Quindi, lasciate raffreddare. Mettete la preparazione in una bottiglia di vetro con tappo ermetico. Aggiungete il succo di limone e il succo dell’arancia e agitate la bottiglia. A questo punto aggiungete l’acqua minerale fino a riempire la bottiglia. Mescolate lentamente per evitare che il gas si disperda. Non vi rimane che mettere il chinotto in frigo per farlo raffreddare.  

Condividi