Viaggio fai da te? Meglio giocare d’anticipo 

In famigliaIn famiglia
18.08.201618.08.2016

Organizzatevi per tempo. Prenotate voli e hotel almeno tre settimane prima della partenza. Occhio sempre alle clausole sulle cancellazioni e al costo delle commissioni. Se uscite dall’Europa prendete in considerazione un’assicurazione. Come risolvere il rebus della preparazione dei bagagli


Per evitare sorprese, meglio muoversi per tempo. Se avete deciso di organizzare da soli la vostra vacanza, prenotate voli e hotel almeno tre settimane prima. Giocare d’anticipo è fondamentale per evitare il rischio di tutto esaurito. Se poi avete in mente di uscire dall’Europa per una vacanza intercontinentale, non scartate l’idea di stipulare una bella assicurazione per mettervi al riparo da ogni contrattempo inaspettato.
L’ultima impresa prima della partenza non è di poco conto: far stare tutto il necessario in una valigia. Se poi vi muovete con tutta la famiglia, è sempre preferibile, nei limiti del possibile (e dello spazio), preparare un bagaglio per ciascun componente. Per evitare di dimenticare qualcosa è sempre bene compilare una lista delle cose da portare. Vi aiuterà anche a tenere sotto controllo la preparazione della valigia. Una volta ultimato l’elenco, mettete tutte le cose che avete selezionato sul letto. In questo modo sarà semplicissimo controllare, lista alla mano, se avete preso tutto. Non vi resta che iniziare a mettere insieme il vostro bagaglio. Iniziate dalle scarpe: mettetele in un sacchetto nella stessa posizione in cui le riponete nella scatola e posizionatele ai lati della valigia. Ora tocca agli abiti. C’è chi preferisce riporli stesi, senza piegarli, e chi, invece, arrotolarli. Questo secondo metodo ha il pregio di aiutarvi a guadagnare spazio. Iniziate colmando gli spazi vuoti che restano sul fondo della valigia tra un paio di scarpe e l’altro. E’ il posto più adatto per indumenti che non si stropicciano, come costumi, mutande e calzini. A questo punto passate ai jeans e ai pantaloni: riponeteli sul fondo, subito sopra le scarpe. Il loro tessuto, particolarmente resistente, sopporterà meglio di altri il peso del resto del bagaglio. Dopo aver sistemato questo primo strato di indumenti potrebbero restare ulteriori spazi vuoti: utilizzateli per riporre il resto della biancheria intima.
E siamo a magliette e golfini e poi, al penultimo strato, le camicie. Per finire abiti e indumenti di tessuto leggero. Coprite l’ultimo strato con un telo di cotone per evitare che gli abiti più pregiati non si inceppino tra le cerniere della valigia. 

Condividi