La corretta alimentazione dei bambini è sana, naturale e non solo 

In famigliaIn famiglia
27.01.202027.01.2020

Cresce l'attenzione dei genitori per una corretta alimentazione per i bambini: scopriamo che cosa succede


Ecco come seguire un'alimentazione naturale, sana e vincente

 

Anche le grandi organizzazioni sanitarie se ne stanno accorgendo e hanno redatto delle nuove disposizioni che indicano diverse regole per garantire ai bambini, fin dalla loro tenera età, una alimentazione sana e bilanciata che gli garantisca un buon livello di salute.

In linea generale si raccomanda una riduzione del 30% del fabbisogno proteico rispetto al passato in quanto è stata riscontrata un’associazione tra elevata assunzione proteica nei primi anni di vita e aumento del rischio di sviluppare obesità e malattie croniche negli anni successivi.

Si sconsiglia il consumo di latte e latticini, con l’esclusione dello yogurt e del kefir sia perché il latte è una fonte importante di grassi saturi, che favoriscono le malattie cardiovascolari, sia perché è una fonte importante di calorie.

 

E' anche diminuito il quantitativo consigliato di zucchero e dei prodotti industriali costituiti da farine e grassi raffinati, alimenti privi di nutrimenti essenziali.

 

Il cibo che mangiamo serve anche a far funzionare il cervello: fin dall’infanzia il suo funzionamento richiede circa il 50% dell’energia totale necessaria a sostenere il metabolismo basale. Nell’infanzia, inoltre, il cibo che mangiamo serve a farlo sviluppare e influenza la performance.

 

Più studi hanno confrontato le funzioni cognitive dei bambini che mangiavano colazioni con la stessa quantità di carboidrati, proteine e grassi ma diverso indice glicemico: mostravano funzioni nettamente superiori dopo colazioni a basso indice glicemico. I bambini che fanno colazione con cibi ad alto indice glicemico (merendine, fiocchi di cereali zuccherati, biscotti preparati con farine raffinate, marmellate con lo zucchero) avranno un aumento molto rapido della concentrazione di glucosio nel sangue, che comporta una forte produzione di insulina da parte del pancreas che nell’arco di una, due ore farà abbassare troppo la glicemia. Quando la glicemia è bassa il cervello va in difficoltà e alla fine della mattinata i bambini sono distratti, nervosi, agitati.

 

Entro il 2026, l’80% dei Millennial avrà figli e molti genitori introdurranno cibi innovativi nell’alimentazione dei propri bambini.


I marchi alimentari stanno prendendo atto della prossima generazione e sono in continua fase di ricerca e studio.

 

Saranno gli alimenti fermentati, speziati o ricchi di sapori umami.

Paste colorate in forme divertenti fatte con farine alternative la faranno da padrone.
Importante sarà proprio per i genitori soffermarsi sul concetto di sapori umami ovvero, in soldoni, quei sapori buoni a tal punto da essere amati dai bambini proprio perché hanno un palato vergine e istintivo.

 

Il gusto umami è anche quello del latte materno, che contiene una percentuale elevatissima di glutammato.
Quella che potrebbe sembrare una moda passeggera, o l’ultima invenzione "del mondo del food" più commerciale, si basa in realtà, su studi cominciati nel 1908 in Giappone dallo scienziato Kikunae Ikeda, che per primo cominciò a parlare della presenza di un gusto ulteriore oltre ai quattro canonici.

Un gusto saporito (umami, letteralmente in giapponese), indefinibile attraverso i quattro sapori utilizzati sino ad allora.

 

Alghe kombu, funghi shitake essiccati e miso potranno essere i cibi preferiti dai bambini di domani.
Partendo dal presupposto che si definisce l’umami "un gusto sapido piacevole che viene dal glutammato e da diversi ribonucleotidi, tra cui inosinato e guanilato, che si trovano naturalmente in carne, pesce, verdura e prodotti lattiero caseari", si può facilmente dedurre che i cibi consigliati in futuro per l'alimentazione dei bambini saranno anche tra quelli che conosciamo di più e quindi a noi più famigliari … i pomodori, il Parmigiano Reggiano e il prosciutto crudo, tonno e sardine, carne di manzo, pollo e maiale, funghi, cipolle, piselli, asparagi, broccoli e rape.

 

Siete pronti a nutrire i vostri bambini con tutti questi ingredienti saporiti?

 

Scopri altre curiosità nella nostra rubrica "In famiglia".

Condividi