Incostanza e instabilità, i segreti di marzo 

È tempo di...È tempo di...
29.03.201629.03.2016

Dedicato al dio romano Marte, primo mese di primavera nell’emisfero boreale e dell’autunno nell’emisfero australe. La Giornata internazionale della donna (comunemente definita Festa della donna) ricorre l’8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne


Marzo è il terzo mese dell’anno secondo il calendario gregoriano (il primo mese nell’antico anno romano), ed il primo della primavera nell’emisfero boreale, dell’autunno nell’emisfero australe, conta 31 giorni e si colloca nella prima metà di un anno civile. Nell’immaginario collettivo è sinonimo di incostanza e instabilità: esser nato di marzo, ad esempio, è usato per indicare una persona capricciosa e volubile.
Il nome deriva dal latino Martius. Il mese era infatti dedicato al dio romano Marte, divinità del raccolto primaverile e della guerra, attività alle quali era adibito il mese. Primo mese della primavera (boreale) dell’autunno (australe) festa della donna.
La Giornata internazionale della donna (comunemente definita Festa della donna) ricorre l’8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui sono state oggetto e sono ancora, in tutte le parti del mondo. Questa celebrazione si è tenuta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909, in alcuni paesi europei nel 1911 e in Italia nel 1922.

Condividi