Cibi del 2020 più trendy. Ecco cosa porteremo in tavola 

Buono a sapersiBuono a sapersi
07.01.202007.01.2020

Quali sono i cibi del 2020? Le novità e le tendenze di quest'anno.


Che cosa mangeremo nel 2020?

 

Sappiatelo...l’attenzione va al mondo vegano: la fake meat approdata da poco in Italia ma anche e soprattutto un consumo consapevole e responsabile.

Poca carne, tante verdure, tantissime alternative ai latticini.

 

E' la verità: sempre più persone optano per la dieta vegana o eliminano carne e pesce quasi del tutto concedendo a se stessi solo cibi di qualità.

 

In Italia, secondo il rapporto Eurispes 2019, il 7,3% della popolazione si dichiara vegetariano o vegano e segue un’alimentazione basata sui regimi alimentari tipici di questi regimi alimentari. 

 

Sostanzialmente saranno i vegetali i grandi protagonisti dei cibi del 2020: si riscopriranno verdure "povere" o inusuali da sempre presenti nei nostri orti.

 

Si cercherà poi di non sprecare e quindi molte saranno le materie prime edibili mai utilizzate e tutte da scoprire come per esempio le stesse radici.

Il recupero delle origini sembra essere in questo senso uno dei fondamentali punti di partenza che caratterizza i cibi del 2020: riprendiamo una cucina povera, sana ed essenziale.

 

Ci si muoverà sempre di più verso quella chiamata agricoltura rigenerativa: pratiche di gestione del territorio pensate per preservare il suolo e diminuire la produzione di CO2. Di conseguenza l’attenzione sarà rivolta verso quei cibi che derivano da questo tipo di agricoltura.

 

Spazio alle farine alternative: i consumatori sono già ora sempre più alla ricerca di farine diverse da quelle tradizionali.

Esempio sono: farina di teff, farina di banana, di cavolfiore o tigernut, ovvero zigolo dolce, tubero originario della Spagna.

 

Se diamo uno sgurado oltreocenano, colossi come Whole Foods Market, hanno accresciuto la loro disponibilità di cibi vegetali e vegani a fianco dei più tradizionali prodotti di origine animale. I cibi del 2020 in Italia, grazie a supermercati e più in generale ai punti vendita al dettaglio, vedranno sicuramente crescere le linee del fresco, sempre più ricche e al passo con i tempi, favorendo la tendenza ad avvicinarsi ai sapori dell’Africa occidentale: moringa, tamarindo, sorgo, fonio, teff, miglio ... d'altronde sono tutte materie prime che una volta conosciute risulteranno davvero ottime anche al nostro palato poco abituato.

 

I cibi del 2020 vedono poi gli snack vegani e più in generale a base di cibi vegetali, quelli che la faranno da padroni: complici le intolleranze diffuse come quella al lattosio per esempio.

Gli spuntini veloci sono fondamentali per chi ha uno stile di vita frenetico: questi saranno solo più freschi, da conservare nel frigo e salutari.

 

Uova sode con un topping goloso, mini-zuppe da bere, verdure e intingoli porzionati. E anche barrette energetiche fatte con ingredienti di origine vegetale, realizzate con frutta e verdura fresca, da cercare nel reparto frigo.

 

Latticini e uova vegetali e quindi ancora cibo vegano non solo a base di soia: molte infatti le aziende che stanno cercando di imitare la consistenza di yogurt, formaggi e uova attraverso altri ingredienti come l’avocado, la canapa,i fagioli mungo, l’anguria e la zucca.

Molto interessante non trovate?

 

Altri cibi del 2020 riguardano il burro che sarà ricavato dai semi di zucca, dalle noci, gli anacardi, le mandorle, i ceci, i semi di anguria o la salsa tahini e la chiave corretta di lettura è che non bisognerà confrontarli con il burro di uso comune ma occorrerà aprire la mente per andare verso nuovi sapori e consistenze.

 

Tutto infatti nel 2020 sarà in chiave alternativa. Succederà anche per gli zuccheri: riduzioni di sciroppo da frutta come melograni, cocco e datteri possono essere delle soluzioni ideali per aggiungere un po’ di dolcezza nelle ricette.

Per sostituire miele o melassa, invece, sciroppi di amido di sorgo o patata dolce.

 

Avremo la "carne finta" prodotta in laboratorio e i cocktail analcolici: bevande ricercate pensate per ricreare i classici della mixology ma senza alcol, così da poter essere gustate anche da chi segue un regime particolare o non ama il gusto intenso dei distillati.

Oltre a queste tendenze che diventeranno una vera e propria filosofia di vita, a quanto pare sappiamo già  cosa ordineremo di più nel 2020.

 

Volete un'idea?

 

Al primo posto il pokè: un mix di riso, frutta, verdure e pesce crudo che negli ultimi anni è diventato un vero e proprio trend.

Un pranzo veloce in ufficio durante la pausa, oppure una comoda cena a casa quando si è stanchi e si ha poco tempo.

 

In secondo posizione, la pizza

 

Al terzo posto, ci sono tutti i cibi preferiti da chi ama uno stile di healthy, come quelli della cucina naturale, del sushi e di piatti a base di chia.

 

E poi una forte presenza di piatti che fanno parte della tradizione mediorientale, come falafel e hummus.

 

Insieme a questi i dolci di origine giapponese, su tutti i mochi.

 

Sappiate poi che a quanto pare i prodotti contenenti olio di canapa saranno sempre più presenti nelle offerte dei ristoranti italiani e il tè kombucha diventerà una delle bevande preferite del nostro paese.

Se vuoi scoprire altre curiosità sui cibi, vai alla nostra rubrica e se ti interessano ricette fresche e naturali, vai alle nostre proposte.

Condividi