Broccolo romanesco: proprietà, benefici e ricette 

Direttamente dal Medio Oriente è arrivato sino a Roma: una verdura sempre più amata e presente sulle tavole degli italiani.


Il broccolo romano o "romanesco" o ancora cavolo romano, è un ortaggio tipico italiano, più precisamente della regione Lazio, che viene coltivato in diverse altre zone della penisola.


La sua è una lunga storia: lo conoscevamo già nel 1800.

Facilmente riconoscibile per la sua bellissima forma geometrica, di lui si mangia l'infiorescenza, mentre radici e foglie hanno utilizzi differenti.

In qualche modo il broccolo romano assomiglia al cavolfiore e come lui fa molto bene alla nostra salute.

Il broccolo romanesco è un ortaggio tipicamente invernale che si pianta nei mesi estivi necessitando di temperature molto alte nel primo periodo di sviluppo.

 

Cinque le sue varianti: il Celio e il Novano si raccolgono tra ottobre e novembre, il Gitano e la Veronica a dicembre (detti anche natalino) il Lazio invece si raccoglie a gennaio.

Come tutti gli ortaggi della sua famiglia, anche il broccolo romanesco ha numerose proprietà nutritive:

  • Vitamina A
  • Vitamina C
  • Sostanze minerali importanti come ferro, magnesio, potassio e fosforo

Importante è la quantità di sulforafano, una sostanza  che previene la crescita delle cellule cancerogene e mantiene giovani quelle sane.

Solo 25 Kcal per 100 g di prodotto.

Interessante da sapere è che c'è una variante del broccolo romanesco che viene coltivato nel comune di Albano Laziale detto “broccolo capoccione” per via delle infiorescenze più grandi e a cui, la città Albano Laziale dedica una festa.

 

Come utilizzarlo al meglio in cucina?

 

Il broccolo romano è un ortaggio davvero versatile in cucina: si può consumare sia da solo che come contorno, oppure per condire primi piatti.


Si mangia soprattutto lessato facendolo cuocere circa 15 minuti.

Ottimo condito con sale, pepe e olio extra vergine di oliva.

Può essere saltato in padella con uno spicchio di aglio.

E' buono gratinato, servito come vellutata e cotto in padella a fiamma vivace con salsa di soia, olive e capperi.

 

Interessante se utilizzato per farcire deliziose torte salate rustiche magari preparate con delle farine alternative di farro, avena o anche di canapa.

Un po' di stracchino, parmigiano, olio e pepe e via nel forno.

 

Da provare crudo, in insalata condito con sale, pepe e limone.

 

Alla ricerca di piatti vegetariani o vegan?

 

Ci sono molte ricette: polpette vegane a base di broccolo con gli ingredienti cotti principalmente al vapore, cotolette vegetariane a base di broccoli e ceci facilissime da preparare, fatte con ingredienti semplici e gustosi e poi per gli amanti della pasta è ottimo l’abbinamento tra broccoli romani e cavolo viola.

 

Scopri altre curiosità sulle verdure del territorio laziale e nazionale nella nostra rubrica.

Condividi