Mani pulite, infezioni a distanza 

 Per te
12.09.2017

Una corretta abitudine per preserva l’organismo dall’attacco di germi e batteri. A volte basta il sapone. In altri casi un detergente antisettico. E se siete fuori casa o in viaggio, soccorrono i gel disinfettanti. Ecco come e quando lavarsele


Prevenire è meglio che curare. Un vecchio adagio popolare che ben si adatta anche all’igiene delle mani. Un fattore chiave per prevenire, appunto, le infezioni.
La pelle umana funge da barriera protettiva rispetto all’ambiente esterno. Ed è colonizzata, per natura, dalla flora batterica residente e transitoria. La flora residente ha una funzione protettiva, ma può diventare responsabile di infezioni se contaminata. La flora transitoria si acquisisce durante il contatto diretto con la pelle di persone contaminate o dell’ambiente circostante. Per questo è importante tenere la pelle pulita. In particolare le mani, ossia la parte del corpo che, più di altre, viene a contatto con l’esterno. Non a caso, l’igiene delle mani è una delle misure di prevenzione delle infezioni più importanti. Il lavaggio va curato con modalità e prodotti diversi a seconda delle attività, professionali e non, svolte dal singolo individuo. Ad esempio, il lavaggio con acqua e sapone serve ad eliminare lo sporco visibile e a rimuovere la flora microbica transitoria. Deve durare dai 40 ai 60 secondi. Il ricorso ad una soluzione alcolica (in genere etanolo, isopropanolo, n-propanolo, associato a sostanze emollienti, umidificanti e ad agenti protettivi), invece, ha per obiettivo l’eliminazione della flora transitoria e la riduzione della carica microbica delle mani. Anche quando le mani non sono visibilmente sporche. Va evitato l’uso contemporaneo di frizioni a base alcolica e sapone antisettico. I detergenti antisettici più utilizzati sono: clorexidina gluconato, iodofori e triclosan.
E, anche in questo caso, il lavaggio antisettico deve durare dai 40 ai 60 secondi. Non sempre, anche se la situazione lo richiederebbe, siamo in grado di lavarci le mani. Soccorrono in questi casi i prodotti ormai diffusissimi per l’igiene. Come i gel disinfettanti che si assorbono strofinando le mani come se le stessimo insaponando. Lasciando la pelle perfettamente asciutta.

Condividi questa pagina