Fragole: scopriamo le qualità e i mille usi in cucina 

In frigoIn frigo
13.05.201913.05.2019

Appena raccolte, cotte, nelle marmellate, nei dolci, nel gelato e persino nelle ricette salate: scopriamo tutto sulle fragole


Quando si parla di frutta e verdura di stagione a maggio, si inaugura la stagione delle fragole e di tanta altra frutta che ci accompagna poi durante i mesi estivi, basti pensare alle ciliegie, alle albicocche, alle pesche.

Le fragole sono uno dei frutti primaverili ed estivi più amati e consumati da grandi e piccini per via sia della loro bontà che della loro versatilità.

 

La fragola in realtà è il “falso frutto” in quanto si forma sulla base del fiore e non dall’ovario dell’omonima pianta. I veri frutti sono piccoli acheni, quelli che noi chiamiamo impropriamente semi, sparsi sul ricettacolo fiorale trasformato in un corpo carnoso e rosso.


Quanti tipi di fragole esistono?

 

Ci sono le fragole selvatiche che hanno un gusto e una dolcezza unici. Le fragole di bosco sembrano essere un frutto molto più ambito dei funghi, infatti sono conosciute anche come le regine del bosco.  

 

Nei banchi del supermercato troviamo generalmente le qualità Belrubi, Senga, Sengana e Madeleine che differiscono tra di loro per colore e forma.

Altre qualità di fragole riconducibili ai territori nazionali sono quelle di Terracina, provenienti dall’omonima città e conosciute anche come “Favetta” e quelle di Tortona, una specie selvatica tipica della zona piemontese.

 

Ed esiste anche una fragola non rossa. Si chiama Annablanca, è bianca, molto succosa e più piccola delle sue sorelle rosse.

Quali sono le principali proprietà nutritive delle fragole?

 

Le fragole contengono molti importanti elementi nutritivi: una notevole quantità di acidi organici e flavonoidi antiossidanti, calcio e magnesio anti grasso, vitamina C antirughe e potassio diuretico.

 

Sono attualmente inserite tra i super cibi anti età nella speciale classifica ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity) stilata dal dipartimento dell'agricoltura statunitense, per il contenuto record in sostanze antiossidanti benefiche per la salute.

 

Sono considerate uno dei più potenti rimedi naturali per proteggere il cuore, la circolazione e la pelle, soprattutto dal punto di vista dell'invecchiamento.

 

Le proprietà antiossidanti presenti nelle fragole aiutano infatti a contrastare i radicali liberi così come avviene nel caso di altri frutti rossi, come i lamponi, i ribes e i mirtilli.

Pensiamo per esempio all'altissimo contenuto di vitamina C: 8 fragole possono contenere più vitamina C di una sola arancia e non tutti, purtroppo, lo sanno.

Chi è attento alle calorie saprà che le fragole sono un alimento davvero poco calorico: 100 grammi di fragole contengono soltanto 33 calorie.

Le fragole sono poi piuttosto povere di zuccheri: solo 4,9 grammi ogni 100 grammi.

 

Gli antiossidanti contenuti nelle fragole (acido ellagico, vitamina C e flavonoidi) aiutano a dimagrire perché contrastano le infiammazioni che impediscono ad alcuni ormoni di stimolare il dimagrimento.

E’ infatti la produzione di un ormone chiamato adiponectina, che stimola il metabolismo e riduce l’appetito, diminuendo l’assorbimento di amidi. Inoltre, lo stesso permette di controllare il livello di zucchero nel sangue e quindi di prevenire il diabete e la formazione di grasso addominale.

 

Alcune ricerche hanno dimostrato che le fragole hanno un’elevata capacità di stimolare un meccanismo naturale che porta il cervello ad “autopulirsi”, eliminando sostanze tossiche che favoriscono la riduzione delle funzioni cerebrali, come la memoria, e la comparsa di demenze, Alzheimer compreso e del Parkinson.

Con il passare del tempo infatti l’accumulo di scorie e tossine fa inceppare questo meccanismo e ciò provoca danni ai neuroni.

 

Altra caratteristica delle fragole è che questi frutti contengono xilitolo, una sostanza dolce che previene la formazione della placca dentale e uccide i germi responsabili dell’alitosi.

Pare che se strofiniamo direttamente sui denti una fragola gli acidi organici che sono presenti avranno un potere sbiancante evidente già dopo qualche giorno di uso continuato.

Come utilizzarle al meglio in cucina

 

Le fragole possono essere ottime sia fresche che cotte, sia nelle preparazioni di dolci sia per ricette di piatti salati.

 

Alcuni esempi?

 

Parlando di dolci c’è da considerare la torta delle feste semplice da preparare e ottima per una cerimonia, un compleanno o una cena importante, a base di crema chantilly, panna e fragole.

Se volete preparare un dolce tipicamente estivo e semplice, c’è il crumble di fragole o ancora la cheescake con le sue varianti al cioccolato o alla crema accompagnati alle fragole.

 

Immancabili poi sono le fragole ricoperte di cioccolato, generalmente realizzate con fragole grandi e a scelta, cioccolato al latte o fondente.

 

Per chi ama il salato, un piatto da provare è il risotto con le fragole. E ancora le fragole possono accompagnare piatti a base di pesce, tra cui spicca l’ottimo abbinamento con gli scampi, delle originali insalate magari unite alle mele, al grana, al radicchio rosso e in accompagnamento a carni bianche, generalmente sotto forma di salsa realizzata attraverso fragole cotte con zucchero e aceto.


Se vuoi scoprire altre curiosità sul cibo, visita la nostra rubrica dedicata.

 

Condividi