Proteine? Sì grazie, ma senza abusi 

In famigliaIn famiglia
20.02.201520.02.2015

Essenziali per la crescita e il funzionamento cellulare. Si trovano in natura in alcuni alimenti animali e vegetali. Come carne, pesce, uova e legumi. E sono elemento essenziale di ogni dieta. Dalle proteine deve arrivare il 10-15% delle calorie giornaliere. Ma senza eccedere per evitare guai alla salute


L’importanza delle proteine risiede nella parola stessa. Dal greco protos, cioè “primo elemento”. Stiamo parlando del resto di un elemento essenziale per la crescita, la riparazione e il corretto funzionamento delle cellule dell’uomo. Le proteine appartengono ad una classe di molecole biologiche fondamentali per lo svolgimento di una pluralità di funzioni. Dalla costruzione delle diverse componenti del corpo umano alla risposta immunitaria dell’organismo. Veicolano le sostanze nel sangue e forniscono energia di riserva favorendo l’assorbimento di alcune vitamine e antiossidanti. In buona sostanza, le proteine sono essenziali per vivere.
Sono costituite da aminoacidi legati tra loro. Una proteina media può contenere dai 300 aminoacidi in su, ma sono circa 20 quelli comunemente presenti nei vegetali e negli animali. Si dividono in essenziali (aminoacidi indispensabili che devono necessariamente essere forniti all’organismo dalla dieta) e non essenziali (non indispensabili che possono essere prodotti in modo endogeno dall’organismo). Gli aminoacidi vengono utilizzati per costruire altre proteine necessarie all’organismo. Per questo un apporto quotidiano di proteine assicura la continuazione di questo ciclo. Un apporto che può essere assicurato attraverso una dieta equilibrata. Le proteine sono infatti presenti in diversi tipi di cibi. Animali come carne, pollame, pesce, uova, latte, formaggi e yogurt, forniscono proteine ad alto valore biologico. E vegetali come legumi, cereali, noci, semi e verdure forniscono proteine a basso valore biologico. Le diete onnivore (cibi sia animali che vegetali) forniscono quantità adeguate di proteine. Quanto ai vegetariani e ai vegani, scegliere combinazioni di differenti fonti vegetali è molto importanti per assicurare il necessario apporto di proteine.
In generale, per una dieta bilanciata, indipendentemente dalle abitudini alimentari, il 10-15% della nostra assunzione di calorie dovrebbe venire dalle proteine. Carne, pesce, uova e legumi sono alimenti particolarmente ricchi di proteine. Se la carenza di proteine può comportare effetti negativi, come la perdita di massa muscolare), anche l’eccesso può essere altrettanto nocivo. Le proteine in eccesso, infatti, vengono infatti trasformate in depositi di grasso e, alla lunga, causare malattie anche gravi. Quindi, è fondamentale non abusare delle proteine. Le carni, in particolare quelle rosse, vanno consumate con moderazione perché contengono elevate quantità di grassi e colesterolo. Stesso discorso per le uova. Discorso diverso per il pesce, che ha un effetto protettivo verso le malattie cardiovascolari (contiene i grassi omega-3) e i legumi, che contengono la più ricca combinazione di proteine vegetali e fibre. 

Condividi