Arriva l’autunno, attenti agli sbalzi di temperatura 

Come difendersi da raffreddori e mal di gola adattando l’organismo al mutamento climatico? Non solo i vaccini antinfluenzali, ecco alcuni consigli per proteggersi dai mali di stagione. Dall’abbigliamento giusto alla dieta corretta


Addio caldo, arriva l’autunno. Si abbassano le temperature e i primi malanni di stagione sono in agguato. Come difendersi da raffreddori e mal di gola adattando l’organismo al mutamento climatico?
Certo, ci sono i vaccini antinfluenzali da fare. Ma anche altri accorgimenti che possono tornare utili. Lo sbalzo di temperatura è un’insidia per la salute perché obbliga l’organismo ad adattarsi rapidamente al passaggio dal caldo al freddo e ai nuovi livelli di umidità. Questo adattamento è noto come termoregolazione. Ecco un esempio di cosa si intende: più fa caldo più tendiamo a sudare e facciamo e a fare pipì; più fa freddo più tendiamo a mangiare cibi grassi e a tenerci attivi per generare calore. La funzione assicurata dalla termoregolazione è, in pratica, quella di consentire all’organismo di mantenere la temperatura corporea a 37°. Quando questa funzione risulta alterata e i sistemi di controllo della temperatura corporea non funzionano come dovrebbero è più facile esporsi a raffreddori, mal di gola e altri malanni di stagione.
Che fare? Innanzitutto, vestirsi correttamente. Possibilmente a strati, indossando, uno su l’altro, indumenti di diversa pesantezza per coprirci o scoprirci in base alle diverse temperature registrate nel corso della stessa giornata. In secondo luogo, curare l’alimentazione: dieta mediterranea e un numero adeguato di ore di sonno contribuiscono ad irrobustire le nostre difese immunitarie.
Bambini e anziani sono, ovviamente, le categorie più esposte agli effetti degli sbalzi di temperatura e ai relativi effetti. Per loro è necessario provvedere, negli ambienti chiusi, ad una frequente areazione per assicurare il ricambio d’aria evitando il proliferare di germi dannosi.

Condividi questa pagina